0

Esci dalle Ande
“Il sale andino fornisce non solo cloruro di sodio come sale comune, ma anche vari minerali, in quantità maggiori rispetto al sale marino che sono importanti per l’organismo e sono presenti nella sua costituzione naturale come magnesio, ferro, zinco e rame.”

Benefici del sale andino

Il principale vantaggio del sale andino è la presenza nella sua apprezzabile composizione di minerali. È noto che l’acqua e altre sostanze minerali sono contenute negli alimenti; ma quando la proporzione è insufficiente devono essere separati per completarli, poiché abbiamo visto l’importanza di questi per il corpo e le complicazioni che avrebbe il loro deficit, se non amministrassimo ciò che è necessario nei nostri regimi. .

Pertanto, il sale andino fornisce non solo cloruro di sodio sotto forma di sale comune, ma anche vari minerali, molti dei quali sono i più importanti per il corpo, oltre ad essere presenti nella sua costituzione naturale, il che lo rende molto più alto di altri, come il sale marino.

Composizione e importanza dei minerali presenti nel sale andino
Minerali in percentuale maggiore rispetto ad altri tipi di sale:
– Calcio (457,89 / 100mg) Regola la frequenza cardiaca Partecipa alla trasmissione degli impulsi nervosi. Partecipa alla contrazione dei muscoli. Mantiene ossa e denti sani. Consente una buona coagulazione del sangue. È essenziale per il funzionamento cellulare. Promuove il funzionamento del sistema immunitario. È essenziale per il corretto funzionamento dell’apparato respiratorio.

– Ferro (3,98/100mg) È essenziale per il trasporto dell’ossigeno attraverso il sangue ai tessuti. È, insieme al cromo, un trasportatore di proteine. Fa parte della struttura di un enzima, la catalasi, che ci difende dai radicali liberi.
È necessario per il metabolismo delle vitamine del gruppo B. È stato suggerito che gli integratori di ferro somministrati quando questo minerale è carente possono migliorare la funzione cerebrale nelle ragazze adolescenti aumentando la loro capacità di apprendere e ricordare.

– Magnesio (11,5/100 mg.) Importante catalizzatore di molte reazioni enzimatiche intracellulari, in particolare quelle legate al metabolismo dei carboidrati.

– Zinco (0,28/100 mg.) Partecipa alla sintesi delle proteine ​​e del collagene. Aiuta a guarire le ferite. Rafforza le difese dell’organismo. È un potente antiossidante. Dalla sua presenza dipendono la crescita e lo sviluppo adeguati durante la gravidanza, l’infanzia e l’adolescenza. Mantiene i sensi del gusto e dell’olfatto. Proteggi gli occhi.

– Rame (0,13/100 mg.) Indispensabile per la formazione di emoglobina. Consente di utilizzare l’aminoacido tirosina come fattore di pigmentazione dei capelli e della pelle.
È indispensabile per l’utilizzo della vitamina C. Presente nella sintesi di alcune sostanze essenziali per la formazione delle guaine mieliniche protettive che avvolgono le fibre nervose. Partecipa alla formazione e al mantenimento delle ossa. È coinvolto nella formazione dell’RNA. Evitare un’eccessiva coagulazione del sangue. Contribuisce al corretto funzionamento della ghiandola tiroidea. Partecipa al mantenimento ottimale dei livelli di colesterolo.

Minerali in percentuale inferiore rispetto ad altri tipi di sale:

– Sodio (12,49 / 100 mg.)

Il sale delle Ande – Maras attraverso la storia

Maras, è un distretto della provincia di Urubamba appartenente a Cuzco, (a 3300 m di altitudine, si trova su una pianura che in epoca preistorica era un grande altopiano).

In questa città, da oltre 250 milioni di anni, il sale andino viene prodotto naturalmente nelle famose miniere di sale. Le saline di Maras chiamate da alcuni “miniere di sale” sono costituite da circa 3.000 piccoli pozzi con una superficie media di circa 5 m². Formata da residui di evaporazione che si arricchiscono fotonicamente per effetto del sole, e ricordiamo che gli Incas del Perù adoravano il sole è che sapevano molto bene che l’aggiunta di sale andino al loro cibo portava loro maggiori benefici e questi davano buoni risultati. nello sviluppo organico degli antichi coloni Inca, per questo motivo, usarono queste antiche usanze che persistono fino ai giorni nostri.

Questo arricchimento energetico e minerale del sale andino era molto noto agli Incas, motivo per cui usavano questo sale nella loro dieta.

Nota importante:

Ci sono molte controindicazioni al consumo di sale nella dieta, perché il suo eccesso causa vari problemi di salute, ma niente di tutto questo accade con il nostro sorprendente SALE ANDEO che, come abbiamo descritto di seguito-sopra, contiene minerali come sodio e cloruro di sodio. , in piccola percentuale, ecco perché è il sale preferito per migliorare e dare energia al nostro corpo come facevano gli Incas del Perù.

Questo
Alcuni dei problemi che possono sorgere sono: Eccesso di cloruro di sodio,

Può causare un accumulo o ritenzione di liquidi nel corpo, d’altra parte il sodio reagisce con l’Ac. Sali urici (urati) che si accumulano nelle articolazioni causando infiammazione e dolore. Questo di solito accade con altri tipi di sale perché contengono concentrazioni molto elevate di questo componente o di altre sostanze sopra di esso.

d al comune sale da cucina che viene raffinato e per renderlo meno igroscopico (che assorbe meno umidità dall’ambiente).

La percentuale di sodio e cloruro di sodio presente in altri sali può causare un aumento della pressione sanguigna, perché il volume del liquido extracellulare è direttamente correlato al grado di accumulo di sale nell’organismo. Ci sono due ragioni fondamentali:

1.- Quando c’è un eccesso di sale nel corpo, aumenta l’osmolalità dei fluidi corporei, che a sua volta stimola il centro della sete e costringe la persona a bere quantità aggiuntive di acqua per diluire la sete sale extracellulare a concentrazione normale. Questo ovviamente aumenta il volume del fluido extracellulare.

2.- L’aumento dell’osmolalità del fluido extracellulare stimola il meccanismo di secrezione dell’ipotalamo e dell’ipofisi posteriore affinché secerne maggiori quantità di ormone antidiuretico. A sua volta, l’ormone antidiuretico induce il rene a riassorbire quantità notevolmente aumentate di acqua dall’urina prima della secrezione di urina, diminuendo così il volume di urina mentre aumenta il volume di fluido extracellulare.

Per questi due importanti motivi, la quantità di sale che si accumula nell’organismo è la principale determinante del volume del liquido extracellulare, del quale peraltro bastano solo piccoli aumenti di questi per alzare notevolmente la pressione sanguigna.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

TOP